Come star bene con se stessi e con Allah in 7 giorni

Bisogna fare il dhikr (=ricordo) la mattina. Bisogna fare il dhikr dopo la preghiera. Bisogna fare il dhikr in un sacco di occasioni durante la giornata.

La domanda che sorge è: a cosa serve? Serve solo a prendere qualche hasana (=ricompensa per una buona azione)? O c’è qualcosa di più profondo? E come è legato PRECISAMENTE il dhikr con la felicità?

Mi vien da mangiarmi le mani!
Se penso agli anni persi a borbottare cose senza capirne il senso e senza usufruire dei grandi benefici del dhikr, mi viene veramente da mangiarmi le mani.

Se non sai cosa significa la parola dhikr non ti preoccupare, te lo spiego subito 😉

La parola “dhikr, tradotta dall’arabo all’italiano, significa “ricordo”. In questo articolo ti voglio parlare in particolare del “ricordo di Allah” e dei suoi benefici.

Purtroppo molti vivono il dhikr come una serie di formule da dire super-velocemente per accumulare hasanat (ricompense per le buone azioni), dimenticando però l’obiettivo spirituale, ovvero quello di star bene con Allah e con se stessi.

Un’esempio?
Conoscerai sicuramente il famoso detto (che non riporto per la sua lunghezza) in cui il Profeta (s) ci raccomanda di dire dopo ogni preghiera 33 volte subhanaLlah (Gloria ad Allah), alhamduliLlah (Lode ad Allah), Allahu Akbar (Allah è il più Grande) e in cui ci dice di concludere con ‘la illaha illallah, wah-dahu la sharika lah, Lahul-mulku wa lahul hamd, wa huwa’ala Kul-li shayin Qadeer‘ (Non c’è divinità all’infuori di Allah solo, nulla Gli è associato, a Lui il regno e la Lode ed Egli ha potere su ogni cosa).

Ottimo. Un bellissimo detto in cui il Profeta (s) ci invita a ripetere 33 volte alcune formule per fissare nei nostri cuori alcuni concetti importanti riguardanti il nostro credo e il nostro rapporto con Allah, facendoci star bene interiormente e aiutandoci ad affrontare la vita.

Invece moltissimi musulmani (tra cui io fino a qualche anno fa) hanno colto nel hadith solo i numeri.

Vedo gente dopo la preghiera che muove le dita (per contare le volte) a una velocità supersonica. Mi chiedo: “Ma come fanno a dire una formula e a viverla profondamente a quella velocità?!?”

L’obiettivo del dhikr nell’Islam è che il musulmano rifletta su ciò che dice, per poter fissare nella propria essenza i concetti islamici più importanti e per poter usufruire del benessere spirituale legato alle riflessioni che scaturiscono dal ricordo di Allah.
Ecco perché ho usato nel titolo l’espressione “star bene con se stessi e con Allah”.

Come farlo in 7 giorni? Continua a leggere 😉

Mentre ripetiamo per qualche secondo alhamduliLlah (Lode ad Allah), dobbiamo pensare a tutte le cose per cui siamo grati all’Altissimo.
Riflettiamo sul fatto che abbiamo la possibilità di leggere.
Siamo grati per il fatto che siamo al sicuro, mentre proprio in questo momento c’è gente che vive nel terrore.
Ci rendiamo conto del dono della salute, della famiglia, delle possibilità che Allah ci ha dato e così via.

Certo, a tutti noi manca qualcosa. Ma se ci rifletti, comprenderai che ciò che abbiamo è moltissimo.

Ora immagina di dire alhamduliLlah per un minuto riflettendo sui doni che hai nella tua vita in cinque momenti diversi della giornata. Cosa succederebbe entro una settimana?

Posso citarti i primi tre benefici che mi vengono in mente, ma so che se ci rifletti un attimo ne troverai tantissimi altri (fammeli sapere nei commenti):

  1. senso di gratitudine nei confronti di Allah, con conseguente rafforzamento della fede e dell’amore per il Misericordioso (e solo questo beneficio basta e avanza);
  2. pace interiore e quindi star bene con se stessi:
    Se hai fatto un minimo di esperienza spirituale, sai quanto è vero il versetto che dice
    “In verità i cuori si rasserenano al Ricordo di Allah” (Corano, Surat Arra’d)”. Se non hai mai provato, provaci ora!! Non sai cosa ti stai perdendo;
  3. anche se qualcosa nella tua vita andasse male, con questa pratica ti tieni mentalmente il danno proporzionato, senza cadere nel catastrofismo e nella depressione, perché, ripetendo alhamduliLlah, si tengono sempre presenti i lati positivi della vita.

Ricordati questo versetto:

“In verità i cuori si rasserenano al Ricordo di Allah” (Corano, Surat Arra’d).

Facciamo un’altro esempio: immagina di dire “Allahu Akbar” (Allah è più Grande), riflettendoci, per qualche minuto ogni giorno:
Allah è più grande…dei problemi della vita.
Allah è più grande…degli oppressori e degli ingiusti.
Allah è più grande…del tuo datore di lavoro.
Allah è più grande…delle malattie.
Allah è più grande…della crisi economica.
E così via.

Immagina se per una settimana, tutti i giorni, ragionassi su questi concetti. Ti assicuro che diventeresti uno spirito libero indomabile. Saresti pronto ad affrontare le sfide della vita e ad ambire ai più nobili obiettivi…perché sapresti di avere dalla tua parte Allah, il più Grande.

Nota: ho approfondito le riflessioni su “Allahu Akbar” in un altro articolo. Se non l’hai visto clicca qui per leggertelo 🙂

Ci sarebbe da fare un articolo a parte per ogni formula: subhanaLlah, alhamduliLlah, Allahu Akbar, astaghfiruLlah, la ilaha illa Allah ecc…
E si farà in sha’a Allah. Per non perderti i prossimi articoli iscriviti subito alla newsletter cliccando qui.

Per ora ci fermiamo qui. Però non voglio che ci raccontiamo un sacco di belle parole, senza uscire con niente di concreto.

Accordiamoci su un compito semplice semplice.

C’è una piccola abitudine che negli ultimi mesi mi ha veramente migliorato la vita facendomi star bene e vorrei proportela: ogni mattina ripeti per qualche minuto AlhamduliLlah, riflettendo bene sul suo significato. Se non sai da dove cominciare, parti dalle riflessioni che ho scritto qualche riga più in su.

Siamo d’accordo? Fammi sapere nei commenti come andrà.

CONCLUSIONI:

Allah ci ha creati per una missione. E a tal scopo ci ha fornito un corpo e uno spirito.

Come nutriamo, curiamo e alleniamo il nostro corpo, dobbiamo imparare a prenderci cura del nostro spirito, per non farlo morire e per star bene.

Se no per noi sarà impossibile vivere…una Vita Islamica 😉

Sperando di esserti stato utile, ti ringrazio per l’attenzione e ti chiedo di ricordarmi nelle tue preghiere perché ne ho bisogno.

Tuo fratello,
Abedelbakki

Ps. non dimenticarti di iscriverti alla newsletter di Vita Islamica, così potrai ricevere:
– aggiornamenti sui prossimi articoli e video di Vita Islamica;
– esclusive pillole spirituali dedicate solo agli iscritti;
– riflessioni sulla Vita e sugli insegnamenti dell’Islam.

ISCRIVITI QUI ==> http://bit.ly/2lgiY5w

Abedelbakki

Eterno studente di scienze islamiche, appassionato di storia islamica, filosofia e psicologia. Fondatore di www.vitaislamica.it

12 pensieri riguardo “Come star bene con se stessi e con Allah in 7 giorni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *